Veneziane Monocomando – Novità 2022

Aprile 6th, 2022|

ARREDOCASA Novità 2022 Scopri il nuovo sistema per orientare e alzare la veneziana con un solo comando. Disponibile nei seguenti colori 065/285/017/012/01/010

KUBIK è Qui! Scopri il nuovo catalogo

Luglio 22nd, 2021|

ARREDOCASA presenta KUBIK. Il design elegante e le linee semplici ed essenziali sono i tratti distintivi di questo nuovo prodotto, con un design contemporaneo e futuristico [...]

WhatsApp dedicato per gli ordini

Luglio 13th, 2021|

Arredo Casa Tendaggi sempre attenta all’esigenze della propria clientela a partire da oggi attiva un nuovo servizio. WhatsApp dedicato per gli ordini +39 350 900 58 [...]

MOTTURA Articoli Disponibili

Maggio 6th, 2021|

Arredo Casa Tendaggi presenta articoli dell’azienda MOTTURA: Serie Rotary 444 (Sistema a pacchetto di facile manutenzione) Serie Slalom 430 (Binario Professionale) Serie Oriente 542 (Binario a [...]

    Feed has no items.

Archiportale.com ARCHIPORTALE - il portale dell'architettura

  • Tartan School di MoDusArchitects: 'nuove trame tra educazione e comunità'
    by dimarzo@archilovers.com (Cecilia Di Marzo) on 1 Marzo 2024 at 6:00

    01/03/2024 - MoDusArchitects ha ultimato la realizzazione della Tartan School, l’ampliamento di un edificio scolastico esistente situato a Terlano, tra Bolzano e Merano.   L’edifici, concepito negli anni Novanta come una struttura a U e successivamente adattato nei primi anni Duemila, seguiva una prassi comune a molte scuole in piccoli centri urbani, accogliendo diverse funzioni all'interno di un'unica struttura. Di fronte alla crescita demografica, l'amministrazione comunale ha scelto di rispondere alle esigenze della comunità con un ampliamento della Scuola esistente.   Come molte piccole località affacciate sulle valli alpine dell'Alto Adige, il centro in espansione di Terlano si estende fino ai vigneti e frutteti circostanti. È proprio in corrispondenza di questo limite che si colloca la scuola. La sua prossimità rispetto al centro abitato e ai campi limitrofi si riflette nelle scelte formali e cromatiche del progetto,.. Continua a leggere su Archiportale.com

  • A Manhattan un nuovo hub di trasporto a emissioni zero
    by capozza@archiproducts.com (Giulia Capozza) on 1 Marzo 2024 at 6:00

    01/03/2024 - Un hub di quasi 200 mila metri quadri rivoluzionerà il trasporto pubblico a Manhattan con il progetto del Midtown Bus Terminal di New York e New Jersey firmato Foster + Partners, insieme a A. Epstein and Sons International Inc. Disegnato su incarico dell'Autorità Portuale per sostituire l'attuale terminal vecchio di 73 anni, il progetto nasce per soddisfare la crescita dei pendolari prevista per il 2040-2050. Con un design incentrato sui passeggeri, il nuovo terminal è ideato per essere a emissioni nette zero, in un'ottica di sostenibilità futura. "Questo progetto - afferma Nigel Dancey, responsabile dello studio Foster + Partners - rivoluzionerà il modo in cui le persone vivono la città di New York. Il nuovo terminal progettato da Foster + Partners per l'Autorità Portuale rende il trasporto pubblico più invitante e accessibile, con un design incentrato sui passeggeri,.. Continua a leggere su Archiportale.com

  • Al via il 19° Architecture Student Contest di Saint-Gobain
    by dimarzo@archilovers.com (Cecilia Di Marzo) on 1 Marzo 2024 at 6:00

    01/03/2024 - Saint-Gobain dà il via alla 19ª edizione dell'Architecture Student Contest, concorso internazionale che ogni anno affida agli studenti un task specifico di riqualificazione di un’area di una città che cambia di volta in volta e che nel 2024 sarà Helsinki.   Al Contest possono partecipare gratuitamente gli studenti (iscritti dal 1° al 6° anno dell’anno accademico 2023/2024) delle facoltà di Architettura e Ingegneria, che hanno la possibilità di gareggiare da soli o in gruppi composti da massimo 3 studenti.   Il task di gara su cui gli studenti si dovranno confrontare riguarda la riprogettazione di un'area residenziale dedicata a cittadini e ricercatori in una zona individuata tra l'Università di Ricerca Viikki Research Farm e l'Ospedale Veterinario Veterinary Teaching Hospital. Le proposte dovranno abbracciare l'integrazione fra design, efficienza energetica e sostenibilità.   L’Architecture.. Continua a leggere su Archiportale.com

  • Lo chalet 'scenografico' che si mimetizza nel paesaggio
    by capozza@archiproducts.com (Giulia Capozza) on 29 Febbraio 2024 at 6:00

    29/02/2024 - Materiali leggeri, spazi luminosi e dettagli minimalisti compongono lo Chalet Papillon, la casa a due piani arroccata tra le pittoresche Montagne Laurenziane, a nord di Montrèal, in Canada. Progettato dallo studio di architettura RobitailleCurtis per una giovane famiglia e i suoi amici, il volume lungo e slanciato del rifugio rurale si inserisce nel paesaggio forestale sopra il Lac Notre-Dame, richiamando i colori degli alberi circostanti e sviluppandosi parallelamente ai contorni del sito. Situato in cima a una sezione particolarmente ripida di una cengia di granito esposta, lo Chalet Papillon nasce con l'obiettivo di ridurre al minimo il disturbo del sito e la deforestazione. La sua disposizione consente di avere una vista sul lago da due prospetti e di far sì che l'estremità orientale si estenda tra gli alberi come un "balcone scenografico" elevato a più di 85 piedi sopra l'acqua.  Rivestito in cedro.. Continua a leggere su Archiportale.com

  • BS Hof: il Maso di famiglia si rinnova
    by dimarzo@archilovers.com (Cecilia Di Marzo) on 29 Febbraio 2024 at 6:00

    29/02/2024 - BS Hof è il maso di famiglia in cui è cresciuta la committente di alpina architects. Si trova a Nova Ponente, un paese in provincia di Bolzano, adagiato tra le montagne. La committente e protagonista di questa storia, è nata e cresciuta qui, circondata da animali e natura. Crescendo, è sopraggiunta la necessità di costruire un proprio spazio dove vivere con la sua futura famiglia. Il desiderio di non abbandonare questo luogo e di poter continuare a far parte della quotidianità del Maso è il punto iniziale di questo progetto.   La storia del Maso Il BS Hof è un maso costruito nel 1850, come è inciso nel first, la trave principale a sostegno del tetto ligneo e come riportato nel logo di famiglia dipinto sull’intonaco sopra l’ingresso. Da allora il Maso ha vissuto del suo rapporto con la natura, traendo sostentamento dai diversi animali che lo popolano. Nel tempo, attorno al Maso, inteso come edificio abitativo principale, si.. Continua a leggere su Archiportale.com